Titolarità - CCIAA DI BRINDISI

Menù di navigazione rapido

Logo della Camera di Commercio di Brindisi

Cartella selezionata

 

 

News correlate:

8/7/2020

Punto Impresa Digitale: al via l'Atlante i4.0 per le imprese

Sono quasi 600 le strutture italiane che offrono servizi e tecnologie per l’innovazione e la digitalizzazione delle imprese....

Altre news su CCIAA DI BRINDISI

 

26/6/2020

Premio Top of the PID 2020 - Re-start

TOP of the PID è un’iniziativa organizzata e promossa da Unioncamere, nell’ambito del progetto “PID...

Altre news su CCIAA DI BRINDISI

 

[Stampa]

Titolarità

Durata della Tutela

Il modello di utilità dura 10 anni a decorrere dalla data di deposito della domanda e non può essere rinnovato ne’ può esserne prorogata la durata.
I diritti di esclusiva sono conferiti con la concessione del brevetto, ma gli effetti del brevetto decorrono dalla data in cui la domanda, con la descrizione e gli eventuali disegni o fotografie, è resa accessibile al pubblico dall’Ufficio Italiano Brevetti e Marchi di Roma. Questo avviene al 18° mese dalla data di deposito a meno che il richiedente, depositando la domanda, non dichiari di voler anticipare l'accessibilità del trovato. In questo caso, il periodo di segretezza diventa di 90 giorni, tempo riservato all'autorità militare per verificare il proprio interesse sul modello di utilità. I 90 giorni sono assolutamente inderogabili: nessuno potrà visionare neppure il titolo del brevetto prima.
Entro 12 mesi dal deposito italiano, si può estendere la protezione del brevetto all'estero (brevetto europeo, internazionale, deposito effettuato nei singoli Paesi), rivendicandone la priorità. La data che attesta la presentazione è quella della richiesta della prima registrazione.

>> circolare 481 - in formato .pdf

 

Trasferimento dei diritti

I diritti nascenti dai modelli industriali, tranne quello di essere riconosciuto autore, sono alienabili e trasmissibili.
Per alienabilità e trasmissibilità dei diritti s’intende la possibilità di cedere il modello a terzi oppure concedere licenze d’uso, esclusive o non esclusive.

Il titolare di un modello industriale può non avere interesse ad attuarlo direttamente. In tal caso ha la possibilità di cedere a terzi lo sfruttamento dei diritti inerenti il modello.
La cessione è da considerarsi come un vero e proprio atto di vendita definitivo ed irrevocabile.

Sul nuovo titolare, graveranno tutti gli obblighi di legge quali: il pagamento delle tasse per mantenere il vigore il modello e l’onere di darne attuazione.
Diverso è il caso della licenza dove non c’è cambiamento di titolarità in quanto il licenziatario dispone contrattualmente del diritto di utilizzare il modello sia in maniera esclusiva che in concorso con altri.

 

 

Data di redazione: 4/2/2019

 

[Stampa]