Disegni e modelli comunitari e internazionali - CCIAA DI BRINDISI

Men¨ di navigazione rapido

Logo della Camera di Commercio di Brindisi

Cartella selezionata

 

 

News correlate:

26/6/2020

Premio Top of the PID 2020 - Re-start

TOP of the PID è un’iniziativa organizzata e promossa da Unioncamere, nell’ambito del progetto “PID...

Altre news su CCIAA DI BRINDISI

 

23/6/2020

#startBrindisi - Pubblicati i tre bandi per fronteggiare la grave crisi economica causata dall’emergenza epidemiologica da COVID-19.

Visita la sezione #startBrindisi
 
La Camera di Commercio di Brindisi interviene a favore delle imprese della provincia per...

Altre news su CCIAA DI BRINDISI

 

[Stampa]

Disegni e modelli comunitari e internazionali

Dal 1░ Gennaio 2003, Ŕ possibile depositare la domanda di disegno o modello comunitario (grazie all'emanazione del Regolamento esecutivo su questa materia, da parte della Commissione della ComunitÓ Europea, del 21/10/2002).

Come il marchio comunitario, anche la procedura unica di registrazione si svolge presso l'UAMI (Ufficio per l'Armonizzazione del Mercato Interno). Con la registrazione, il titolare acquisisce un diritto valevole in tutti gli Stati membri dell'Unione Europea.

La domanda pu˛ essere depositata presso l'Ufficio Italiano Brevetti e Marchi (U.I.B.M.) a Roma, oppure inviata presso la sede dell'UAMI ad Alicante in Spagna.

La tutela del disegno o modello comunitario dura 5 anni a decorrere dalla data di deposito della domanda, prorogabili per uno o pi¨ periodi di 5 anni mediante presentazione di richiesta di rinnovo, fino ad un massimo di 25 anni.

E' inoltre possibile ottenere la tutela di disegni e modelli nel territorio di Stati europei ed extraeuropei aderenti all'Accordo dell' Aja mediante un deposito Internazionale.

Modulistica, costi ed informazioni sulla procedura di deposito di Disegni e Modelli Comunitari sono disponibili sul sito dell' Ufficio per l'Armonizzazione del Mercato Interno (UAMI); mentre per quanto riguarda il deposito di Disegni e Modelli Internazionali le informazioni sono disponibili sul sito dell' Organizzazione Mondiale della ProprietÓ Intellettuale (WIPO).

á

 

Data di redazione: 4/2/2019

 

[Stampa]