Marchi internazionali - CCIAA DI BRINDISI

Men¨ di navigazione rapido

Logo della Camera di Commercio di Brindisi

Cartella selezionata

 

 

News correlate:

11/9/2019

ANCORA ATTIVO IL BANDO ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO ANNUALITÀ 2019 ( Scadenza alle ore 20,00 del 31/10/2019)

Ancora attivo il Bando per la concessione di voucher per percorsi di alternanza scuola lavoro Annualità 2019 con scadenza...

Altre news su CCIAA DI BRINDISI

 

9/9/2019

RIPARTE LA III EDIZIONE DEL PREMIO “STORIE DI ALTERNANZA ”VALENTINA LUCHENA " – A.S. 2019/2020

In partenza la terza edizione del premio ‘Storie di alternanza", anno scolastico 2019/2020.
Gli istituti scolastici provinciali...

Altre news su CCIAA DI BRINDISI

 

9/9/2019

AVVIATA LA III EDIZIONE PREMIO "STORIE DI ALTERNANZA" - A.S. 2019/2020

 

 
In partenza la terza edizione del premio ‘Storie di alternanza’, anno scolastico 2019/2020, iniziativa promossa...

Altre news su CCIAA DI BRINDISI

 

[Stampa]

Marchi internazionali

I soggetti titolari di un marchio nazionale hanno la possibilitÓ di estenderne la tutela nel territorio dei Paesi Europei e di quelli Extraeuropei depositando una domanda di Marchio Internazionale, secondo una procedura disciplinata da due Accordi Internazionali (Accordo e Protocollo di Madrid).
Il vantaggio offerto da questa procedura Ŕ quello di fare una sola domanda in unĺunica lingua valida in tutti i Paesi designati ľ francese, inglese o spagnolo - pagando una sola serie di tasse, nella moneta franco svizzera presso un unico ufficio.

L'Ufficio Internazionale della ProprietÓ Industriale, avente sede a Ginevra, esamina preliminarmente la domanda e poi la trasmette alle singole Amministrazioni nazionali, infatti l'esame e la relativa concessione sarÓ effettuata dagli Uffici Brevetti di singoli Stati alla luce delle rispettive normative nazionali.
Se la protezione non Ŕ rifiutata dagli Uffici Marchi di ogni Paese designato, entro il termine di un anno, il marchio godrÓ della stessa protezione di cui godrebbe se fosse stato depositato e registrato direttamente in quel Paese.

Lĺelenco dei paesi aderenti Ŕ disponibile sul sito: www.wipo.int/madrid/en/members.

L'Italia ha ratificato sia l'Accordo di Madrid che il Protocollo relativo all'Accordo di Madrid, quindi un richiedente italiano ha facoltÓ di richiedere la protezione internazionale per i Paesi aderenti sia all'Accordo che al Protocollo.

á

 

Data di redazione: 4/2/2019

 

[Stampa]