Progetto Sealink - CCIAA DI BRINDISI

Menù di navigazione rapido

Logo della Camera di Commercio di Brindisi

Cartella selezionata

 

 

News correlate:

18/9/2019

esami raccomandatari marittimi 30 settembre 2019

 
  
CALENDARIO PROVE D’ESAME RACCOMANDATARI MARITTIMI PREVISTE DALL’ART. 9 LETTERA G) LEGGE 135/77...

Altre news su CCIAA DI BRINDISI

 

11/9/2019

ANCORA ATTIVO IL BANDO ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO ANNUALITÀ 2019 ( Scadenza alle ore 20,00 del 31/10/2019)

Ancora attivo il Bando per la concessione di voucher per percorsi di alternanza scuola lavoro Annualità 2019 con scadenza...

Altre news su CCIAA DI BRINDISI

 

[Stampa]

Progetto Sealink

INTERREG III GRECIA - ITALIA, PROGETTO SEALINK

interr_grecia.gif (2 Kb)         sealink.gif (2 Kb)

Partners :

Provincia di Brindisi (LP); CCIAA Brindisi; Autorità Portuale Brindisi, Prefettura di Kerkira; Prefettura di Thesprotia; Autorità Portuale di Igoumenitsa.

Durata del Progetto :

Giugno 2007 - Settembre 2008

Costo totale del progetto :

€ 333.333,00

Contenuti

I porti di Brindisi e Igoumenitsa, rappresentano i caselli di accesso all’Autostrada del Mare europea Brindisi - Corfù - Igoumenitsa, che si innesta attraverso il nodo intermodale (mare-gomma) Igoumenitsa, sul progetto europeo dell’Autostrada Egnazia (Corridoio Greco), che completa l’itinerario italiano ferroviario intermodale adriatico, con proseguimento attraverso Igoumenitsa, sull’autostrada terrestre Egnazia, sulla direttrice Salonicco-Atene-Costanza, che anticipa di 15 anni il corridoio 8.
Sui territori progettuali esistono una moltitudine di servizi per la logistica offerti sia da Enti che da piccoli operatori. Il frazionamento dell’offerta e la mancanza di piani di comunicazione istituzionale sullo specifico settore rendono complesso l’utilizzo dei servizi. La mancanza di visione di un quadro di insieme dell’offerta di servizi esistente non permette di organizzare un’offerta complessiva ed integrata.
Questa proposta consiste nell’implementare una serie di azioni organizzative e di comunicazione propedeutiche alla realizzazione di un Sistema Logistico Intermodale correlato al corridoio adriatico-greco.
Le azioni, in particolare, si concentreranno sui nodi di Brindisi - Corfù - Igoumenitsa, identificati quali terminali del Sistema Logistico in Italia e in Grecia ed hanno l’obiettivo di contribuire ad innalzare il livello dei servizi intermodali e logistici offerti dai tre porti, per aumentarne l’attrattività nei confronti del mercato di riferimento.
Le azioni coinvolgeranno, sia in Italia che in Grecia, gli operatori economici della filiera della logistica intermodale, a livello pubblico e privato.
Lo sviluppo di offerta di trasporto intermodale dei due porti, consente difatti l’inserimento degli stessi nella rete europea dell’intermodalità e nei progetti comunitari della rete delle infrastrutture TEN-T e delle Autostrade del Mare, ed inoltre permette di avviare nuove e più efficienti relazioni commerciali fra i territori.

Obiettivi

Organizzazione e riqualificazione delle aziende del settore logistico e trasporti delle aree eligibili.

Descrizione delle attività

Il progetto si articola in quattro parti:

1) La prima parte consisterà nell’identificare e catalogare i soggetti presenti e/o operanti sui territori progettuali nel segmento della logistica e dei trasporti intermodali correlati funzionalmente ai porti , identificando le tipologie di servizi offerti.

2) La seconda parte prevede la realizzazione di una “CARTA DEI SERVIZI DELLA LOGISTICA” che includa un sistema di “RATING” e un “DISCIPLINARE” della offerta dei servizi. Il DISCIPLINARE permetterà di identificare le caratteristiche qualitative minimali standard a cui riferirsi nel territorio di riferimento, mentre il sistema di RATING permetterà di analizzare con criteri oggettivi gli operatori e gli Enti operanti nella logistica. Tale fase prevede, oltre alla predisposizione del disciplinare e del sistema di rating, la organizzazione di una serie di tavoli di incontro tra operatori ed enti ed una serie di “focus group” con i soggetti utilizzatori dei servizi.

3) La terza parte consisterà nella realizzazione di una infrastruttura telematica in grado di:
• permettere la creazione di aree comuni virtuali di lavoro sia tra i partner progettuali che gli operatori economici, attraverso funzionalità di extranet;
• creare un database dinamico delle società ed enti operanti nel settore della logistica intermodale;
• permettere la fruizione dei contenuti di progetto attraverso un portale dinamico, e pertanto aggiornabile dagli stessi operatori;
• permettere l’invio automatico di bollettini informativi a tutti gli operatori che si iscriveranno e chiederanno di accedere al servizio.

4) La quarta parte del progetto prevede lo sviluppo di un piano di comunicazione con l’obiettivo di attrarre operatori interessati a utilizzare i servizi proposti ed interessati ad insediarsi sul territorio. La comunicazione farà largo uso di strumenti audiovisivi di supporto (quali DVD di presentazione dei territori), di un book di presentazione di tutti gli operatori del settore logistica e trasporti operanti nei territori coinvolti ed incentiverà l’uso del WEB quale strumento di informazione sulle funzionalità del territorio.
Inoltre, verranno organizzati tre workshop internazionali: uno all’avvio delle attività di progetto, uno intermedio ed uno in fase di conclusione. (WP4).

 

Data di redazione: 26/7/2013

 

[Stampa]