Bando voucher digitali I4.0 - Anno 2018 - CCIAA DI BRINDISI

Menù di navigazione rapido

Logo della Camera di Commercio di Brindisi

Cartella selezionata

 

 

News correlate:

18/10/2018

Chiusura Ente camerale venerdì 2 novembre 2018

Si comunica che, per far fronte ai tagli della spesa pubblica soprattutto in materia di consumi intermedi imposti dal D.L....

Altre news su CCIAA DI BRINDISI

 

17/10/2018

Evento - Punto Impresa Digitale - Imprese 4.0: innovazione e nuove tecnologie (23/10/2018)

Il prossimo 23 Ottobre la Camera di Commercio di Brindisi realizza l’evento “Punto Impresa Digitale - Imprese 4.0...

Altre news su CCIAA DI BRINDISI

 

17/10/2018

Bando voucher digitali I4.0 - Anno 2018

Disponibile il Bando voucher digitali I4.0 - Anno 2018 destinato alle MPMI, con l’obiettivo di finanziare, con...

Altre news su CCIAA DI BRINDISI

 

[Stampa]

Bando voucher digitali I4.0 - Anno 2018

La Camera di commercio di Brindisi ha approvato il progetto Punto Impresa Digitale al fine di promuovere la diffusione della cultura e della pratica digitale nelle micro, piccole e medie imprese (MPMI), di tutti i settori economici attraverso:
• diffusione della “cultura digitale”
• innalzamento della consapevolezza sulle soluzioni offerte dal digitale e relativi benefici
• sostegno economico alle iniziative di digitalizzazione in ottica Impresa 4.0

E' quindi disponibile il Bando voucher digitali I4.0 - Anno 2018 con il quale la Camera di Commercio di Brindisi finanzia, tramite l’utilizzo di voucher fino ad € 8.000, le domande di contributo relative a servizi di formazione e consulenza finalizzati all’introduzione delle tecnologie di I4.0.

 

Le domande di ammissione potranno essere trasmesse, secondo le modalità descritte all'art. 9 del bando, dalle ore 8:00 del 20/09/2018 alle ore 21:00 del 31/10/2018.

 

Presentazione sintetica del bando (PDF)

 

Bando voucher digitali I4.0 - Anno 2018 (PDF)

Allegati:

Domanda (DOC)

Modulo Misura B (DOC)

Autodichiarazione fornitori (DOC)

Autodichiarazione servizi di consulenza (DOC)

Dichiarazione rating legalità (DOC)

- Modello versamento bollo (PDF)

Procura dell'intermediario abilitato (DOC)

  


Le richieste di voucher potranno essere trasmesse esclusivamente in modalità telematica, con firma digitale, attraverso lo sportello on line “Contributi alle imprese”, all’interno del sistema Webtelemaco di Infocamere - Servizi e-gov.

Visualizza la guida

Webtelemaco - Istruzioni tecniche caricamento - v. 1.0


 

Quesiti

Q. E' possibile fare formazione on-line?
R. E' possibile, ovviamente l'impresa potrà avvalersi unicamente di fornitori elencati sulla Scheda - Misura B del bando. Nel caso in cui l'impresa fornitrice operi esclusivamente online occorre tenere a mente quanto disposto dall'art. 14 "Rendicontazione e liquidazione del voucher", con particolare riferimento alla dicitura "Progetto realizzato con il contributo della Camera di Commercio di Brindisi" sulla fattura quietanzata.
 
Q. Abbonamenti online possono essere considerati una forma di consulenza?
R. Abbonamenti a riviste cartacee o telematiche non sono annoverabili tra i servizi di consulenza.
 
Q. Se il fornitore cambia la propria ragione sociale, con la nuova ha modo di mantenere i requisiti e cioè di aver fornito, negli ultimi tre anni, almeno tre servizi in ambito di consulenza e formazione nel settore tecnologico?
R. E' opportuno che durante la compilazione del modulo "autodichiarazione fornitori" il fornitore specifichi i requisiti di cui è in possesso e le attività svolte anche presso diverse aziende in modo che l'ufficio PID, durante l'istruttoria della pratica, abbia tutti gli elementi necessari alla valutazione della domanda.

 

Q. Un professionista dotato di partita IVA ma non titolare di impresa può rivestire il ruolo di fornitore?

R. L'art. 6 del bando prevede che "L’impresa beneficiaria dovrà avvalersi esclusivamente di uno o più fornitori elencati sulla Scheda - Misura B", di conseguenza un professionista può essere ricompreso unicamente nella seguente casistica

"a6) ulteriori fornitori a condizione che essi abbiano realizzato nell’ultimo triennio almeno tre attività per servizi di consulenza/formazione alle imprese nell’ambito delle tecnologie di cui all’art. 2, comma 3, Elenco 1 della parte generale del presente Bando. Il fornitore è tenuto, al riguardo, a produrre una autocertificazione attestante tale condizione da consegnare all’impresa beneficiaria prima della domanda di voucher".

 

Q. Quali sono i fornitori, per soli servizi di formazione, individuati come "agenzie formative accreditate dalle Regioni"?

R. Per la Regione Puglia si può fare riferimento alla Determinazione dirigenziale della Sezione Formazione Professionale n. 1036 del 4 agosto 2017, disponibile a questo link.

 

 

Data di redazione: 16/10/2018

 

[Stampa]