Progetto Mare delle Aquile - CCIAA DI BRINDISI

Menù di navigazione rapido

Logo della Camera di Commercio di Brindisi

Cartella selezionata

 

 

News correlate:

22/10/2019

Disponibile italianbusinessregister.it, il portale in inglese dedicato al mercato estero per promuovere l’eccellenza italiana nel mondo

Le imprese italiane ed in generale il "made in Italy" riscuotono sempre un notevole interesse da parte del...

Altre news su CCIAA DI BRINDISI

 

21/10/2019

ATECO - La ricerca della normativa per l'inizio attività d'impresa

Hai un’idea di impresa? Parti da ateco.infocamere.it e conoscerai i passi da seguire per iniziare un’attivit...

Altre news su CCIAA DI BRINDISI

 

15/10/2019

ULTIMI GIORNI PER L’ISCRIZIONE ALLA III EDIZIONE DEL PREMIO “STORIE DI ALTERNANZA ”VALENTINA LUCHENA " – A.S. 2019/2020

Gli istituti scolastici provinciali interessati, potranno iscriversi per la sessione del II° semestre 2019, fino al 21 ottobre...

Altre news su CCIAA DI BRINDISI

 

[Stampa]

Progetto Mare delle Aquile

INTERREG III ITALIA – ALBANIA, PROGETTO MARE DELLE AQUILE

interr_albania.gif (4 Kb)            mare_aquile.gif (3 Kb)

Partners :

CCIAA Brindisi (LP); CCIAA Bari; CCIAA Lecce; RETECAMERE, Società delle Camere di Commercio d'Italia; UnionCamere Puglia; NEWS Sas, Brindisi; Camera di Commercio ed Industria di Tirana; Camera di Commercio di Durazzo; Camera di Commercio di Valona.

Durata del Progetto :

Maggio 2007 - Aprile 2008

Costo totale del progetto :

€ 889.000,00

Contenuti

Il progetto “ MARE DELLE AQUILE” mira a considerare le diverse destinazioni turistiche dell'area costiera che insiste nelle provincie di Brindisi, Bari e Lecce e le aree costiere dell'Albania situate nella zona di Durazzo, Valona fino al comprensorio di Saranda per promuoverne lo sviluppo attraverso lo studio e l'offerta di strumenti di analisi dei vantaggi competitivi, delle potenzialità e delle prospettive di miglioramento del comparto turistico marino - nel contesto degli attuali processi di globalizzazione - con un costante riferimento ai concetti di territorio e sostenibilità, quali elementi chiave del nuovo "prodotto turismo". M igliorare la competitività delle imprese delle località costiere costituirà un punto chiave per una filiera turistica che corrisponde alle caratteristiche dei territori ed alle aspirazioni sociali di preservare l'ambiente culturale e naturale di luoghi ricchi di tradizioni, di bellezze paesaggistiche e di storia .

Nel campo del turismo, e in particolare a livello di destinazioni costiere, questo processo comporta una politica di gestione integrata, che deve coinvolgere tutti i soggetti che operano sia nell'ambito dell'offerta turistica di base, fonte di attrazione per il visitatore, sia in quello dei servizi secondari,

In particolare, le azioni progettuali saranno tarate per la promozione e valorizzazione delle attrattive turistiche legate all'ambiente marino in “unicum” con l'ambiente naturale, paesaggistico e culturale e contribuiranno ad accrescere le potenzialità attrattive delle aree geografiche interessate, orientandole in modo alternativo o complementare al modello già consolidato del turismo costiero.

Un aspetto che sarà privilegiato sarà quello della comunicazione attraverso la realizzazione in tre lingue (italiano,albanese ed inglese) di una guida che illustrerà località marine con la descrizione di itinerari che integreranno le risorse storiche e culturali, tradizioni, sistema dei valori e delle qualità ambientali di eccellenza.

Sarà realizzato un video promozionale che sarà diffuso in circuiti specializzati e presentato congiuntamente in fiere mostre ed eventi ritenuti dai partners di particolare interesse.

Proficua è da intendersi, poi, la collaborazione tra Camere di Commercio pugliesi ed albanesi, Enti, Associazioni ed altri organismi pubblici e privati per il consolidarsi di una serie di rapporti e per la realizzazione di attività di programmazione di interventi innovativi di sviluppo del settore e che non rientrano nelle forme classiche di intervento. Saranno necessari interventi a sostegno della crescita professionale di funzionari capaci di individuare strumenti finanziari che agevolino l'adeguamento e l'innovazione delle imprese che operano nel turismo soprattutto costiero, la crescita dell'imprenditoria locale nell'offerta di servizi innovativi caratterizzati da una nuova sensibilità verso la Customer Relationship Management, la promozione e la creazione di nuovi profili professionali, soprattutto nei confronti di giovani disoccupati, per favorire il loro ingresso nel mercato del lavoro o come dipendenti o come fornitori di servizi di sostegno alla crescita del settore.

Tutto ciò, rappresenterà uno strumento idoneo all'instaurarsi di buone prassi per l'avvio di una cooperazione efficace tale da produrre nuovi elementi di attrazione per una domanda che non si accontenta più della sola risorsa mare o clima e di nuove tipologie di utenza come quella sportiva o termale o naturalistica, di agevolare la coesione sociale tra le due regioni transfrontaliere ed agevolare l'avvicinamento dell'Albania all'Europa.

In sintesi si tratterà di "Promuovere la competitività del turismo alternativo” e dei servizi di supporto ed in particolare a:

•  Turismo subacqueo

•  Ecoturismo

•  Turismo sociale

•  Turismo termale

•  Turismo scolastico

•  Turismo storico-culturale

•  Turismo eno-gastronomico

Obiettivi

Il Progetto si pone i seguenti obiettivi:

•  Rafforzare e qualificare il sistema della cooperazione transfrontaliera nel settori del turismo marittimo. E'necessario sviluppare processi di cooperazione turistica per coinvolgere il mercato del lavoro e lo sviluppo delle risorse territoriali sulle due coste attraverso la promozione del patrimonio naturale ed in particolare sostenendo lo sviluppo del Turismo alternativo. Di particolare rilevanza è la formazione per la qualificazione delle risorse umane coinvolte dal percorso progettuale;

•  Potenziare e qualificare la cooperazione per rilanciare e promuovere le zone costiere, valorizzando i centri urbani, ponendo al centro il grande patrimonio dei valori ambientali, culturali, monumentali e della tipicità dei luoghi . Le relazioni sul territorio e sulla cultura albanese sono insufficienti. E' necessario promuovere in Italia il “Paese delle Aquile”, le sue tradizioni, le moderne produzioni in materia di arte, cultura, ricercare le caratteristiche comuni alle due sponde,gli aspetti diversi che le contraddistinguono per la creazione di percorsi integrati ed innovativi da valorizzare e divulgare. Coinvolgere gli imprenditori italiani per investire nel turismo albanese attraverso momenti di cooperazione tra le comunità locali per organizzare e fornire servizi pubblici essenziali e strategici;

•  Sostenere un cambiamento culturale significativo nella definizione delle politiche di offerta e nell'orientamento al cliente e nella gestione del processo di accoglienza;

•  Promuovere, integrare e sviluppare la crescita di attività di collaborazione tra operatori turistici e tra questi e gli enti pubblici operanti sul territorio, miranti soprattutto a ricercare sostegni finanziari per stabilire una politica comune di azioni di marketing territoriale, concependo e incoraggiando iniziative legate alle caratteristiche naturali, storiche e culturali proprie di ciascun territorio individuato;

•  Orientare la professionalità di giovani disoccupati verso la creazione di realtà imprenditoriali intese come attività di supporto ai servizi turistici che tendono al potenziamento dei cosiddetti fattori trasversali dello sviluppo ed in particolare le infrastrutture, la risorsa lavoro ed il sistema creditizio (qualità ambientale, ricettività e strutture di accoglienza, sistema della mobilità, formazione tecnica e di competenze gestionali, servizi turistici complementari) e che rappresentano l'approccio di tutta l'impalcatura dell'iniziativa progettuale.

•  Facilitare l'avvicinamento dell'Albania all'Unione Europea;

Descrizione delle attività

Le specifiche attività previste riguardano :

•  Mappatura di località situate sul mare, ma soprattutto di località identificate, riconosciute e promosse come un insieme omogeneo in cui le attività turistiche litoranee costituiscono la principale fonte di attrattiva per il visitatore.

•  Ideazione e realizzazione di un questionario da distribuire ad un campione di imprese pugliesi ed albanesi per l'analisi comparativa dei livelli di offerta e della qualità dei servizi percepita dall'utente finale con l'analisi dei fabbisogni imprenditoriali;

•  Azioni di accompagnamento e seminari rivolti a funzionari degli enti locali italiani ed albanesi sul project managment per la realizzazione di programmi di sviluppo del turismo alternativo integrato alo sviluppo dei territori locali e sull'utilizzo di una rete telematica da implementare per la messa in comune di informazioni e comunicazioni;

•  Attività seminariali e di aggiornamento per operatori turistici italiani e albanesi sul marketing turistico e sulle opportunità di collaborazioni comuni, attraverso l'interscambio e la promozione sinergica di itinerari turistici alternativi ed integrati allo sviluppo eco compatibile costiero con elementi di educazione ambientale;

•  Realizzazione di una rete telematica condivisa dai partners per la gestione di informazioni,database, percorsi di e-learning per operatori economici ed aspiranti imprenditori su aree tematiche quali la creazione d'impresa e la gestione aziendale innovativa nel turismo, nonché la Customer Relationship Managment per la gestione comune di campagne di comunicazione ed informazione mirate a segmenti omogenei di utenti in una logica multicanale;

•  Percorso orientativo, formativo e di accompagnamento all'implementazione di un profilo professionale di “guida storico-culturale-naturalistica” al fine di promuovere nuove competenze a supporto dell'offerta turistica alternativa;

•  Attività di analisi e sviluppo di uno schema del processo di gestione integrata della qualità per lo sviluppo dell' impatto ambientale (master plan su un area turistica in Albania da parte italiana);

•  Implementazione di un servizio di orientamento all'avvio di nuove imprese italo-albanesi di servizi al turismo con analisi di max 30 idee imprenditoriali ed assistenza tecnica ed accompagnamento alla nascita di almeno 10 aziende;

•  Realizzazione di depliant turistici, in triplice lingua, e di una guida che promuove i siti a particolare rilevanza paesaggistica e culturale prospicienti i litorali transfrontalieri interessati;

•  Programmazione e realizzazione di iniziative tese a diffondere e promuovere i risultati del progetto

 

 

Data di redazione: 26/7/2013

 

[Stampa]