Modelli di Utilità - CCIAA DI BRINDISI

Menù di navigazione rapido

Logo della Camera di Commercio di Brindisi

Cartella selezionata

 

 

News correlate:

18/5/2020

Avviso all'utenza - Rilascio SPID e CNS/Firma digitale

Si comunica che il servizio di rilascio dello “Spid” e di dispositivi “CNS/Firma digitale” è...

Altre news su CCIAA DI BRINDISI

 

8/5/2020

Attivazione del servizio Egov "ITALIANCOM - Imprese operanti con l'estero

Si comunica che da oggi è attivo il servizio egov Italiancom- sulla piattaforma telemaco e le istanze inviate tramite detto...

Altre news su CCIAA DI BRINDISI

 

4/5/2020

Unioncamere Puglia: Progetto "La Puglia per Economia Circolare: ciclo di webinar gratuiti

Unioncamere Puglia, a partire dal prossimo 8 maggio, organizza  una serie di sessioni formative gratuite rivolte alle imprese...

Altre news su CCIAA DI BRINDISI

 

[Stampa]

Modelli di Utilità

Possono costituire oggetto di brevetto per modello industriale di utilità i nuovi modelli atti a conferire particolare efficacia, o comodità di applicazione, o di impiego, a macchine, o parti di esse, strumenti, utensili od oggetti di uso in genere, quali i nuovi modelli consistenti in particolari conformazioni, disposizioni, configurazioni o combinazioni di parti.

Da ciò discende che il modello deve essere idoneo ad apportare vantaggi rispetto a qualcosa che esiste già, e che questi vantaggi, applicandosi a macchine, strumenti, ecc. sono di natura tecnica.
Il brevetto per le macchine nel loro complesso non comprende la protezione delle singole parti.
Gli effetti del brevetto per modello di utilità si estendono ai modelli che conseguono pari utilità, purchè utilizzino lo stesso concetto innovativo.

 

Normativa di riferimento:

• Decreto Legislativo 10.2.2005, n. 30 "Codice della Proprietà Industriale"
• Decreto del Presidente della Repubblica 22.06.1979, n. 338
• Legge 26.05.1978, n.260
• Regio Decreto 25.08.1940, n. 1411
circolare 481 - in formato .pdf

 

 

Data di redazione: 4/2/2019

 

[Stampa]

[Stampa]

Requisiti

I requisiti per ottenere un modello di utilità sono:

Novità: per il modello la novità va riferita soltanto a ciò che sia stato atto a conferire particolare efficacia o comodità d’impiego a macchine e a loro parti, strumenti, utensili ed oggetti d’uso in genere
Originalità: il trovato deve essere il risultato di uno sforzo inventivo e non risultare in modo vidente dall'applicazione di normali conoscenze tecniche da parte di un tecnico esperto del ramo
Industrialità: l'invenzione deve poter essere oggetto di fabbricazione ed utilizzo in campo industriale
Liceità: l'invenzione non deve essere contraria all'ordine pubblico ed al buon costume.

Ogni domanda per modello di utilità deve avere ad oggetto un solo trovato ed è sottoposta per legge ad un periodo di segretezza di 18 mesi, di cui 90 giorni, assolutamente inderogabili, riservati all’autorità militare per verificare il proprio interesse sul trovato.

Il titolare può decidere di rendere anticipatamente accessibile al pubblico la sua domanda per cui, trascorsi i 90 giorni suddetti, ai quali non e’ possibile rinunciare, la domanda diventa visibile.
I richiedenti residenti all’estero devono eleggere un domicilio in Italia ai fini dell’invio della corrispondenza.

Entro 12 mesi dal deposito italiano, si può estendere la protezione del brevetto all'estero (brevetto europeo, internazionale, deposito effettuato nei singoli Paesi), rivendicandone la priorità. La data che attesta la presentazione è quella della richiesta della prima registrazione.

 

 

Data di redazione: 4/2/2019

 

[Stampa]

[Stampa]

Titolarità

Durata della Tutela

Il modello di utilità dura 10 anni a decorrere dalla data di deposito della domanda e non può essere rinnovato ne’ può esserne prorogata la durata.
I diritti di esclusiva sono conferiti con la concessione del brevetto, ma gli effetti del brevetto decorrono dalla data in cui la domanda, con la descrizione e gli eventuali disegni o fotografie, è resa accessibile al pubblico dall’Ufficio Italiano Brevetti e Marchi di Roma. Questo avviene al 18° mese dalla data di deposito a meno che il richiedente, depositando la domanda, non dichiari di voler anticipare l'accessibilità del trovato. In questo caso, il periodo di segretezza diventa di 90 giorni, tempo riservato all'autorità militare per verificare il proprio interesse sul modello di utilità. I 90 giorni sono assolutamente inderogabili: nessuno potrà visionare neppure il titolo del brevetto prima.
Entro 12 mesi dal deposito italiano, si può estendere la protezione del brevetto all'estero (brevetto europeo, internazionale, deposito effettuato nei singoli Paesi), rivendicandone la priorità. La data che attesta la presentazione è quella della richiesta della prima registrazione.

>> circolare 481 - in formato .pdf

 

Trasferimento dei diritti

I diritti nascenti dai modelli industriali, tranne quello di essere riconosciuto autore, sono alienabili e trasmissibili.
Per alienabilità e trasmissibilità dei diritti s’intende la possibilità di cedere il modello a terzi oppure concedere licenze d’uso, esclusive o non esclusive.

Il titolare di un modello industriale può non avere interesse ad attuarlo direttamente. In tal caso ha la possibilità di cedere a terzi lo sfruttamento dei diritti inerenti il modello.
La cessione è da considerarsi come un vero e proprio atto di vendita definitivo ed irrevocabile.

Sul nuovo titolare, graveranno tutti gli obblighi di legge quali: il pagamento delle tasse per mantenere il vigore il modello e l’onere di darne attuazione.
Diverso è il caso della licenza dove non c’è cambiamento di titolarità in quanto il licenziatario dispone contrattualmente del diritto di utilizzare il modello sia in maniera esclusiva che in concorso con altri.

 

 

Data di redazione: 4/2/2019

 

[Stampa]

[Stampa]

Procedura

Documenti per la presentazione della domanda:

La procedura di brevettazione prevede il deposito di una domanda dattiloscritta o direttamente compilata a computer e firmata ove indicato dal richiedente, costituita da:

Modulo U - in formato .pdf - in formato .doc - in 5 copie
Prospetto U - in formato .doc - in 2copie
• Descrizione tecnica del trovato in 1 copia.
• Tavole dei disegni illustrative del trovato in 1 copia.
• Attestazione del pagamento delle tasse di concessione governativa da effettuarsi sul c/c postale n. 668004 intestato all'Agenzia delle Entrate – Centro Operativo di Pescara, specificando la causale del versamento;
• Versamento dei diritti di segreteria da Euro 40,00 oppure Euro 43,00 + una marca da bollo da Euro 16,00 (se si chiede copia autentica conforme del verbale di deposito) che possono essere versati in contanti o con bancomat presso la Camera di Commercio oppure sul c/c postale n. 239723 intestato a “Camera di Commercio di Brindisi”, specificando la causale del versamento;
• Atto di designazione dell’inventore, ove questo sia persona diversa dal richiedente in 1 copia;
• Lettera d'incarico in bollo, solo ed esclusivamente se il deposito avviene a mezzo mandatario.

 

Consulta la pagina della modulistica - Sezione MODELLI DI UTILITÀ

 

 

Data di redazione: 4/2/2019

 

[Stampa]

[Stampa]

Costi

Diritto per il deposito e mantenimento in vita:

1° quinquennio: Euro 120,00
2° quinquennio: Euro 500,00

Mora pagamento 2° quinquennio entro i 6 mesi: Euro 100,00

Modalità di corresponsione dei diritti per il mantenimento in vita (art. 4 Decreto 2/4/2007):

Il 2° quinquennio si deve pagare anticipato, entro l’ultimo giorno utile del mese corrispondente a quello in cui è stata depositata la domanda. Trascorso detto periodo il pagamento è ammesso nei sei mesi successivi con l’applicazione del corrispondente diritto di mora da Euro 100,00.
Il pagamento è, altresì, ammesso entro il termine di quattro mesi dalla data di concessione del brevetto, ovvero nei sei mesi successivi dietro corresponsione della mora, per i diritti eventualmente maturati fino a tale momento.

Modalità di pagamento:

c/c postale n. 668004 intestato ad “Agenzia delle Entrate - Centro Operativo di Pescara”, specificando nella causale del versamento il numero della domanda o dell’eventuale concessione, la data del deposito o dell’eventuale concessione e il numero dell’annualità versata da riportare necessariamente sul frontespizio del bollettino stesso e su entrambe le parti di cui è composto.
L’attestazione e la ricevuta devono essere poi presentati all’Ufficio Brevetti e Marchi della Camera di Commercio. La ricevuta sarà restituita con il timbro e la data di presentazione.
NON SI ACCETTANO PAGAMENTI SU CONTO CORRENTE POSTALE EFFETTUATI ON-LINE.

Marche da Bollo e Diritti di Segreteria:

Per la ricevuta di deposito:
- se richiesta Copia Semplice: 1 Diritto di Segreteria da Euro 40,00
- se richiesta Copia Autentica avente effetto legale: 1 Marca da Bollo da Euro 16,00 + 1 Diritto di Segreteria da Euro 43,00

I Diritti di Segreteria sono acquistabili in contanti o con bancomat in Via Bastioni Carlo V n. 4, oppure con versamento sul c/c postale n. 239723 intestato a “Camera di Commercio di Brindisi”.
NON SI ACCETTANO PAGAMENTI SU CONTO CORRENTE POSTALE EFFETTUATI ON-LINE.

Se il deposito viene effettuato avvalendosi di un terzo incaricato (Iscritto all'Albo dei Consulenti in Proprietà Industriale o Avvocato) sulla lettera d'incarico va applicata una marca da bollo da Euro 16,00.

 

 

Data di redazione: 4/2/2019

 

[Stampa]

[Stampa]

Modulistica

Consulta la pagina della modulistica - Sezione MODELLI DI UTILITÀ

 

 

Data di redazione: 4/2/2019

 

[Stampa]