Marchi internazionali - CCIAA DI BRINDISI

Menù di navigazione rapido

Logo della Camera di Commercio di Brindisi

Cartella selezionata

 

 

News correlate:

18/9/2019

esami raccomandatari marittimi 30 settembre 2019

 
  
CALENDARIO PROVE D’ESAME RACCOMANDATARI MARITTIMI PREVISTE DALL’ART. 9 LETTERA G) LEGGE 135/77...

Altre news su CCIAA DI BRINDISI

 

11/9/2019

ANCORA ATTIVO IL BANDO ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO ANNUALITÀ 2019 ( Scadenza alle ore 20,00 del 31/10/2019)

Ancora attivo il Bando per la concessione di voucher per percorsi di alternanza scuola lavoro Annualità 2019 con scadenza...

Altre news su CCIAA DI BRINDISI

 

[Stampa]

Marchi internazionali

I soggetti titolari di un marchio nazionale hanno la possibilità di estenderne la tutela nel territorio dei Paesi Europei e di quelli Extraeuropei depositando una domanda di Marchio Internazionale, secondo una procedura disciplinata da due Accordi Internazionali (Accordo e Protocollo di Madrid).
Il vantaggio offerto da questa procedura è quello di fare una sola domanda in un’unica lingua valida in tutti i Paesi designati – francese, inglese o spagnolo - pagando una sola serie di tasse, nella moneta franco svizzera presso un unico ufficio.

L'Ufficio Internazionale della Proprietà Industriale, avente sede a Ginevra, esamina preliminarmente la domanda e poi la trasmette alle singole Amministrazioni nazionali, infatti l'esame e la relativa concessione sarà effettuata dagli Uffici Brevetti di singoli Stati alla luce delle rispettive normative nazionali.
Se la protezione non è rifiutata dagli Uffici Marchi di ogni Paese designato, entro il termine di un anno, il marchio godrà della stessa protezione di cui godrebbe se fosse stato depositato e registrato direttamente in quel Paese.

L’elenco dei paesi aderenti è disponibile sul sito: www.wipo.int/madrid/en/members.

L'Italia ha ratificato sia l'Accordo di Madrid che il Protocollo relativo all'Accordo di Madrid, quindi un richiedente italiano ha facoltà di richiedere la protezione internazionale per i Paesi aderenti sia all'Accordo che al Protocollo.

 

 

Data di redazione: 4/2/2019

 

[Stampa]

[Stampa]

Requisiti

Per poter depositare un marchio internazionale è necessario:

• aver ottenuto un marchio o aver depositato una domanda di registrazione per un marchio italiano identico
• essere una persona fisica o giuridica titolare di uno stabilimento industriale o commerciale reale e effettivo, sul territorio di uno Stato membro dell’Unione di Madrid oppure essere domiciliato o avere la cittadinanza di uno di questi Stati.

Priorità

Se entro 6 mesi dalla data in cui viene depositato un marchio nazionale se ne estende la validità a livello Internazionale, è possibile rivendicare la priorità del precedente deposito.
In questo modo il deposito del Marchio Internazionale si considera effettuato nello stesso giorno di quello Nazionale.
Allo scadere di questo periodo, si potrà comunque depositare il marchio Internazionale, senza però rivendicarne più alcuna priorità.

 

 

Data di redazione: 4/2/2019

 

[Stampa]

[Stampa]

Procedura

La procedura di registrazione prevede il deposito di una domanda dattiloscritta o direttamente compilata a computer e firmata ove indicato dal richiedente, costituita da:

Domanda redatta in lingua italiana (munita di marca da bollo da € 14,62 che va indirizzata al Ministero dello Sviluppo Economico - Ufficio Italiano Brevetti e Marchi - Via Molise 19 - 00187 ROMA
• Verbale di deposito in due copie
• Formulario OMPI in duplice originale da compilarsi nella lingua prescritta:

- MM1 se il deposito designa soltanto paesi che aderiscono all'Accordo, in lingua francese, inglese o spagnola.
- MM2 se il deposito designa soltanto paesi che aderiscono al Protocollo, in lingua francese, inglese o spagnola.
- MM3 se il deposito designa sia paesi aderenti all'Accordo che paesi aderenti al Protocollo, in lingua francese, inglese o spagnola.
- Nel caso in cui siano designati gli Stati Uniti d’America in aggiunta al modello OMPI (MM2 o MM3 a seconda dei casi) occorre presentare l'apposito formulario MM18 in doppia copia.
- Nel caso in cui viene selezionata la Comunità Europea e si vuole far valere la preesistenza di una registrazione di marchio nazionale (italiano o di altro Paese della Comunità Europea) è necessario utilizzare per il deposito il formulario MM17 in duplice copia.
- rinnovo del marchio internazionale, è necessario utilizzare il formulario MM11, disponibili in lingua inglese, francese e spagnolo.

• due riproduzioni nitide del marchio, identiche al marchio di base, non superiori a cm. 8 x 8.
• Attestazione del versamento della tassa di concessione governativa di Euro 135,00 da effettuarsi sul c/c postale n. 82618000 intestato all’Agenzia delle Entrate – Centro Operativo di Pescara, con l'indicazione della causale del versamento.
• Ricevuta di versamento delle tasse internazionali a favore dell'OMPI di Ginevra.
• Versamento dei diritti di segreteria di Euro 40,00 oppure Euro 43 + una marca da bollo di Euro 14,62 (se si chiede copia autentica conforme del verbale di deposito) che possono essere versati in contanti o con bancomat presso la Camera di Commercio oppure sul c/c postale n. 239723 intestato a “Camera di Commercio di Brindisi”, specificando la causale del versamento.

N.B.: Qualora il deposito venga effettuato da persona diversa dal richiedente è necessaria una delega in carta semplice, corredata dalla fotocopia del documento di identità del richiedente.

L'Organizzazione Mondiale della Proprietà Industriale ha messo ha disposizione degli utenti un simulatore che mostra come utilizzare il sistema di Madrid per il deposito di marchi internazionali.

Sul sito www.ompi.int/madrid/en/index.html puoi trovare tutte le informazioni di dettaglio su costi, tasse Internazionali, modulistica richiesta per il deposito ed elenco dei paesi aderenti.

 

>> Pagina della modulistica

 

 

 

Data di redazione: 4/2/2019

 

[Stampa]

[Stampa]

Informazioni generali

Validità

Il marchio internazionale ha una validità di dieci anni a decorrere dalla data di deposito, rinnovabili ogni volta per ulteriori periodi di 10 anni, previo pagamento delle rispettive tasse. L’istanza di rinnovo in bollo corredata della ricevuta di versamento delle tasse nazionali deve essere inviata all’Ufficio Italiano Brevetti e Marchi di Roma.
L’OMPI provvederà ad avvisare il titolare, sei mesi prima della scadenza.

Innovazioni introdotte dal protocollo

Il protocollo di Madrid ha istituito quattro principali innovazioni:

1. il richiedente la registrazione internazionale può basare la sua domanda non solo su un marchio nazionale registrato già ottenuto, ma anche su una semplice domanda di registrazione nazionale depositata presso un ufficio nazionale o regionale di origine
2. ciascun paese contraente in cui il richiedente domanda la protezione può dichiarare, con apposita notifica, nel termine di 18 mesi (anziché 12 mesi) che a tale marchio non può essere accordata protezione nel proprio territorio. Questo periodo può essere prorogato in caso di opposizione contro la registrazione internazionale
3. l’ufficio di ciascun paese contraente può riscuotere tasse di designazione più elevate di quelle previste dall’intesa di Madrid
4. le registrazioni internazionali radiate perché il marchio nazionale che ne costituisce il fondamento non ha più efficacia, possono essere trasformate in domande di registrazione nazionale che beneficiano della stessa data di deposito e, se applicabile, della stessa data di priorità.

Notifica di modifiche all' OMPI

In qualsiasi momento possono essere iscritte nel registro internazionale le seguenti modifiche:

• designazione posteriore di un paese nel quale si vuole proteggere il marchio
• limitazione di tutti i prodotti/servizi o di una parte di essi
• variazione di titolari che può anche essere parziale
• variazione riguardante una parte di prodotti/servizi o alcuni paesi designati
• modifica del nome o dell’indirizzo del titolare o del suo mandatario.

Sarà cura dell’OMPI trasmettere queste modifiche a tutti gli uffici nazionali designati dal richiedente.

 

 

 

Data di redazione: 4/2/2019

 

[Stampa]

[Stampa]

Costi

Tassa nazionale Euro 135,00 (eventuale Euro 34,00 per lettera d'incarico se il deposito è effettuato tramite un mandatario Iscritto all'albo dei Consulenti in Proprietà Industriale o avvocato)

Tassa Internazionale da calcolare in base ai Paesi ed al numero di classi per le quali è effettuato il deposito.
Per calcolare la tassa internazionale si consiglia di consultare il sito: www.wipo.int/madrid/feecalc/FirstStep

Modalità di pagamento:

Tassa nazionale: versamento da effettuarsi sul conto corrente postale n. 82618000 intestato ad “Agenzia delle Entrate - Centro Operativo di Pescara”, specificando la causale del versamento
Tassa Internazionale: bonifico bancario sul conto dell'OMPI (in franchi svizzeri):

Banca : Crédit Suisse - 1211 Genève 70 - Suisse
Intestatario del conto : WIPO/OMPI
Numero del conto (IBAN) : CH51 0483 5048 7080 8100 0
SWIFT code : CRESCHZZ80A

Marche da Bollo e Diritti di Segreteria
1 Marca da Bollo da Euro 14,62 da applicare sull'istanza

Per la ricevuta di deposito:
- se richiesta Copia Conforme all'Originale avente effetto legale : 1 Marca da Bollo da Euro 14,62 + 1 Diritto di Segreteria da Euro 43,00
- se richiesta in Copia Semplice: 1 Diritto di Segreteria da Euro 40,00.

I Diritti di Segreteria sono acquistabili in contanti in Via Bastioni Carlo V n. 4, oppure con versamento sul c/c postale n. 239723 intestato alla “Camera di Commercio di Brindisi”.
NON SI ACCETTANO PAGAMENTI SU CONTO CORRENTE POSTALE EFFETTUATI ON-LINE.

Se il deposito viene effettuato avvalendosi di un terzo incaricato (Iscritto all'Albo dei Consulenti in Proprietà Industriale o Avvocato) sulla lettera d'incarico va applicata una marca da bollo da Euro 14,62.

 

 

 

Data di redazione: 4/2/2019

 

[Stampa]

[Stampa]

Modulistica

Consulta la pagina della modulistica - Sezione MARCHI INTERNAZIONALI

 

 

Data di redazione: 4/2/2019

 

[Stampa]